Lasagne al radicchio

C’era una volta, nascosta tra le pieghe di morbida pasta all’uovo, una storia di gusto che attendeva di essere raccontata: quella delle lasagne al radicchio. Questa versione autunnale di un classico della cucina italiana reinventa il comfort food con un tocco di eleganza rurale. Nelle fresche campagne del Veneto, dove i campi sfumano nei toni del rosso e del viola sotto il cielo plumbeo, il radicchio cresce croccante e pungente, pronto a infondere carattere in ogni piatto. È qui che nasce il nostro protagonista, un ortaggio dal cuore amarognolo capace di stupire per l’incredibile versatilità in cucina.

Immaginate fogli di lasagna fatti in casa, sfogliati con cura e cotti alla perfezione, che abbracciano strati di radicchio rosolato, addolcito da una cipolla dorata e sfumato con un goccio di vino bianco. Ogni boccone è una fusione di sapori: la dolcezza cremosa della besciamella sposa l’amaritudine elegante del radicchio, il tutto condito con una generosa spolverata di formaggio grana che scioglie nell’attesa di gratinare in forno fino a raggiungere quella crosticina croccante e dorata, resistente e invitante.

Le lasagne al radicchio non sono solo un piatto, ma un viaggio sensoriale nelle terre venete, dove la tradizione incontra l’innovazione e ogni ingrediente racconta la storia del suo territorio. Accendete i fornelli e lasciatevi avvolgere dal profumo invitante che riempie la cucina, mentre l’arte dell’accostamento dei sapori si compie sotto i vostri occhi, promettendo di conquistare ogni palato con il suo intrigante equilibrio. Siete pronti a diventarne narratori a tavola?

Lasagne al radicchio: ricetta

Ingredienti:
– Pasta all’uovo per lasagne
– 1 kg di radicchio
– 1 cipolla
– 200 ml di vino bianco
– 500 ml di besciamella
– 150 g di formaggio grana grattugiato
– Olio extravergine d’oliva
– Sale e pepe

Preparazione:
In una padella, soffriggere la cipolla tritata con olio fino a doratura. Aggiungere il radicchio tagliato a striscioline e lasciarlo appassire. Sfumare con il vino bianco e cuocere fino all’evaporazione dell’alcol. Salare, pepare e mettere da parte.

Preparare una besciamella morbida e lasciarla raffreddare leggermente. Nel frattempo, portare a bollore una pentola d’acqua salata e blanché brevemente le sfoglie di pasta.

In una teglia, spalmare un cucchiaio di besciamella sul fondo e iniziare a comporre il piatto alternando strati di pasta, composto di radicchio, besciamella e una generosa manciata di formaggio grattugiato. Ripetere l’operazione fino al completamento degli ingredienti, terminando con la besciamella e una spolverata abbondante di formaggio.

Cuocere in forno preriscaldato a 180°C per circa 30 minuti, o fino a quando la superficie non risulta dorata e croccante. Lasciar riposare qualche minuto prima di servire.

Abbinamenti

Accostare sapori e bevande a questo delizioso piatto autunnale è un’arte che si compie in poche, ma essenziali, mosse. Per esaltare il gusto unico del radicchio, una verde insalata mista, leggera e croccante, può fare da compagna ideale, così da bilanciare la ricchezza della portata principale con una nota fresca e digeribile.

Il piatto si sposa splendidamente anche con un calice di vino. La scelta ideale può ricadere su un bianco del Veneto, come un Soave, che con la sua acidità e mineralità, si contrappone armoniosamente all’amarognolo del radicchio e alla cremosità della salsa. Per chi predilige i rossi, un Valpolicella leggero può essere un’accoppiata sorprendente, visto che le note delicate e fruttate del vino non sovrastano il sapore del piatto, ma lo accompagnano con equilibrio.

Un’altra opzione potrebbe essere un rosato fresco, che combina la leggerezza dei bianchi con la struttura dei rossi, creando un ponte tra le diverse note sensoriali del piatto.

In conclusione, la bellezza di questa portata sta nella sua capacità di fondersi con accompagnamenti semplici e bevande che rispettano e valorizzano il profilo gustativo ricco e sfumato. Che sia per un pranzo in famiglia o una cena tra amici, il suo carattere distintivo saprà conquistare ogni convivio.

Idee e Varianti

Le lasagne al radicchio, un piatto ricco di fascino autunnale, si prestano a svariate varianti, tutte capaci di stupire il palato con la loro creatività. Eccone alcune:

1. **Lasagne al Radicchio e Gorgonzola**: per gli amanti dei sapori intensi, l’aggiunta di gorgonzola o di altro formaggio erborinato tra gli strati arricchisce il piatto con una cremosità pungente e avvolgente.

2. **Lasagne al Radicchio e Noci**: le noci, con il loro caratteristico gusto, aggiungono croccantezza e un tocco rustico che ben si sposa con l’amarognolo del radicchio. Possono essere sbriciolate tra gli strati o adoperate per una croccante gratinatura finale.

3. **Lasagne al Radicchio e Speck**: se desiderate un tocco affumicato, includete strisce di speck o prosciutto affumicato tra gli strati. Questo ingrediente aggiunge una dimensione di gusto che si integra perfettamente con il radicchio.

4. **Lasagne al Radicchio e Salsiccia**: per un cuore più sostanzioso, potete sbriciolare della salsiccia rosolata tra gli strati, creando un connubio tra il terroso del radicchio e il succulento della carne.

5. **Lasagne al Radicchio, Funghi e Taleggio**: questa variante prevede l’aggiunta di funghi, magari porcini, e taleggio per un risultato cremoso e con una marcata nota boschiva.

6. **Lasagne al Radicchio e Zucca**: unendo la dolcezza della zucca al radicchio si ottiene un piatto dal contrasto entusiasmante, perfetto per i mesi freddi.

7. **Lasagne al Radicchio e Scamorza Affumicata**: una variante che prevede l’utilizzo della scamorza affumicata per dare al piatto un sapore più deciso e una texture filante.

Ogni variante può essere personalizzata ulteriormente con la scelta dei formaggi, l’aggiunta di erbe aromatiche come timo o rosmarino e l’eventuale utilizzo di creme alternative alla besciamella, come quella di zucca o di formaggi. In ogni caso, l’idea è quella di giocare con il contrasto tra l’amaro del radicchio e altri sapori per creare piatti sempre nuovi e sorprendenti.